Google+

Didò fatto in casa. Non si secca!


Era il 1984 quando la famosa pasta modellabile entra nelle case degli italiani e nel cuore di milioni di bambini. La consistenza morbida ed i colori accesi riescono a scatenare la fantasia di grandi e piccini. Il successo è immediato e ancora attuale.




La mia bimba ne va matta e l'aspetto che preferisco è che il didò la sta accompagnando nelle varie fasi della crescita.  L'uso che ne fa cambia nel tempo, in base alle capacità che acquisisce, e l'unico limite è la sua sua fantasia. In questi giorni, ad esempio, non facciamo altro che preparare pizza da cuocere - per "dodici minuti!" - nel forno della sua cucina.

La maestra di Alice mi ha dato una ricetta che si è rivelata perfetta. Il didò non si secca!
Se conservato correttamente, infatti, il composto mantiene le sue proprietà per lungo tempo. Noi stiamo giocando con l'impasto preparato 5 mesi fa ed è ancora morbido ed elastico. 

Gli ingredienti sono commestibili e facilmente reperibili in qualsiasi supermercato. Il procedimento è molto semplice e veloce.

Ingredienti
- 1 bicchiere di farina
- 1/2 bicchiere di sale
- 1 cucchiaino di cremor tartaro - è un lievito naturale, indispensabile per la riuscita della ricetta
- 1 cucchiaio di olio di semi
- 1 bicchiere di acqua
- Colorante alimentare liquido - Ne bastano un paio per creare diverse scale di colore


Procedimento
1. In un pentolino versare farina, sale e cremor tartaro.
2. Sciogliere il colorante nel bicchiere di acqua ed aggiungerlo al composto.
3. Aggiungere l'olio e mescolare bene.
4. Accendere il fornello e, continuando a mescolare, cuocere a fiamma bassa per 3 minuti. 

A questo punto il composto sarà denso e si staccherà agevolmente dal pentolino. Lasciar raffreddare  per qualche minuto ed il gioco è fatto!

Conservazione
Dopo aver giocato inserire il didò in un sacchetto di plastica (quelli del congelatore vanno benissimo) e riporre in frigorifero.

Ottima, economica e veloce alternativa al celebre gioco per bambini. Il risultato vi stupirà.

Nessun commento:

Posta un commento